incontri

Border
Forensics

Architettura e analisi spaziale per indagare sulla violenza di confine

02feb 2023

—————

urban lab
piazza palazzo di città 8f
torino

ore 18
ingresso libero fino a
esaurimento dei posti
disponibili

prenota un posto

A Urban Lab arriva Border Forensics, l’associazione di ricercatrici e ricercatori che utilizza gli strumenti della Forensic Architecture per produrre e presentare prove architettoniche e spaziali nell’ambito di processi legali e politici.

Il loro obiettivo è sviluppare, diffondere e utilizzare nuove tecniche di raccolta e restituzione visiva delle prove al servizio delle indagini sulle violazioni dei diritti umani e sull’ambiente, e a sostegno delle comunità esposte alla violenza.

L’incontro del 2 febbraio è l’occasione per conoscere da vicino il loro lavoro, ripercorrere alcuni dei casi più paradigmatici da loro affrontati – a partire da quello della morte di Blessing Matthew, giovane donna nigeriana ritrovata nel fiume Durance a pochi chilometri dal confine italo-francese – , e discutere dei temi e delle sfide che l’analisi di quanto avviene sui confini tra paesi presenta oggi. 

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Prenota un posto

programma

interviene

Cristina Del Biaggio

Université Grenoble Alpes
Laboratoire Pacte / Border Forensics

in dialogo con

Francesco Chiodelli

Università degli Studi di Torino

Luca Rondi

Altreconomia

Coordina

Giulietta Fassino

Urban Lab

Cristina Del Biaggio è insegnante e ricercatrice presso l’Université Grenoble Alpes e il laboratorio di ricerca Pacte, e si interessa alle dimensioni geografiche, politiche e sociali delle migrazioni. Le sue ricerche si concentrano attualmente sulle modalità dell’attraversamento dei confini alpini da parte di persone migranti, e più particolarmente delle conseguenze letali dell’aumento dei controlli frontalieri nella regione alpina. Si interessa anche alle forme locali e cittadine dell’accoglienza e alla loro strutturazione in reti a livello nazionale e translocale.
Luca Rondi, giornalista di Altreconomia e coautore del libro “Respinti. Le ‘sporche frontiere’ dall’Europa al Mediterraneo” (Altreconomia, 2022).
Francesco Chiodelli è professore associato di Geografia economico-politica presso l’Università degli Studi di Torino, dove dirige OMERO, centro di ricerca interdipartimentale in studi urbani. Si occupa di questioni di diversità, informalità, illegalità e conflitto nello spazio urbano.

a cura di

5

con