incontri

Spazi
in attesa

SETTIMO TORINESE

02feb 2017

—————

ingresso libero
PIAZZA PALAZZO
DI CITTà 8F
ore 18

Un incontro per discutere sul patrimonio industriale dismesso a Settimo Torinese e sulle strategie in atto per il suo riuso. Finalista come Capitale della Cultura italiana 2018, Settimo ha scelto di investire nella cultura della manifattura, delle fabbriche e del «saper fare», dell’innovazione tecnologica e sociale, della ricerca, delle relazioni produttive, dell’accoglienza e dell’integrazione per riqualificare e valorizzare ampie parti del proprio territorio urbano.

Spazi in attesa prosegue sotto i portici di piazza palazzo di Città e nella sede di Urban Center.
Una mostra fotografica sui luoghi dismessi in attesa di riconversione a Torino e nella prima cintura dell’area metropolitana. Un percorso – tra i portici di Piazza Palazzo di Città e la sede di Urban Center Metropolitano – attraverso spazi sospesi tra memoria del passato e fissità del presente, per esplorare alcuni tra i principali edifici e spazi aperti in attesa di nuove destinazioni e per riflettere sui loro possibili modi di riuso. Fotografie di Bruna Biamino.

Gli spazi in attesa sono luoghi dismessi che aspettano di essere riqualificati. Fabbriche, palazzi, attrezzature collettive, depositi, per i quali un processo di trasformazione deve ancora iniziare, o è alle prime fasi, o si è arrestato.

Gli scatti di Bruna Biamino costituiscono un repertorio che non vuole essere esaustivo, ma che tramite casi differenti sparsi tra Torino e la prima cintura dell’area metropolitana mette in evidenza caratteri peculiari e alcune macro questioni poste da un patrimonio solido, pesante, materico, sul quale spesso si sono sovrapposte idee di trasformazione troppo leggere, incapaci di radicarsi ai suoi spazi. Un piccolo catalogo, dunque, che annovera tasselli urbani molto diversi tra loro e con una superficie maggiore o pari a quella dell’isolato, i cui spazi restano sospesi tra memoria del passato e fissità del presente, prestandosi in alcuni casi a usi inattesi, temporanei, emergenziali.

Il percorso espositivo esterno, sotto i portici di piazza Palazzo di Città, viene ripreso e approfondito all’interno di Urban Center attraverso quattro chiavi di lettura tipologiche : fabbriche, patrimonio architettonico, patrimonio del Novecento, caserme. Spunti per stimolare una riflessione sui loro possibili modi di riuso, alla luce di nuovi modi di abitare e di usare la città

il dibattito

partecipano


Elena Piastra 

vicesindaco, Città di Settimo Torinese

Antonio Camillo

dirigente Settore Territorio, Città di Settimo Torinese

Guido Montanari

presidente di Urban Center e vicesindaco della Città di Torino

contenuti collegati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email